Risali all’origine della stitichezza con un trancio salmone, lime, zenzero e soia

 

La stomia richiede una modifica nella dieta, con rischio di aumento di peso e stitichezza. Meglio adottare un’alimentazione “controcorrente” come il salmone!

 

La stitichezza è un disturbo della regolarità intestinale che, oltre a creare gonfiore e dolore addominale, può essere collegata ad un temporaneo aumento di peso. Evitare cambiamenti repentini del peso corporeo è uno degli obiettivi delle persone portatrici di una stomia, perché tale fenomeno può alterare la posizione dello stoma e rendere difficile l’applicazione del dispositivo di raccolta delle feci.

 

Ecco qui un piatto che fa al nostro caso, che con i suoi ingredienti ricorda un po’ i sapori orientali del Giappone. Se pensi al salmone soltanto come un pesce grasso ti perdi molte delle sue proprietà benefiche. Il salmone, infatti, combatte il grasso addominale grazie al suo alto contenuto di omega-3, che attivano il metabolismo dei grassi, e di vitamina D, la cui carenza è stata collegata ad obesità. Al piatto possiamo infine aggiungere dello zenzero che ha azione antinfiammatoria, digestiva, stimola la peristalsi intestinale e riequilibra la flora batterica.

 

Ingredienti per 4 persone

1 filetto di salmone di circa 1 kg

4 lime

zenzero fresco

100 ml salsa di soia

prezzemolo fresco.

 

Preparazione

Metti il filetto di salmone in un recipiente e bagnalo con il succo di lime mescolato a prezzemolo e sala di soia. Lascia marinare in frigo per 20 minuti. Nel frattempo, in un pentolino prepara una salsa con il lime, la soia e lo zenzero grattugiato; metti sul fuoco, al primo bollore spegni e lascia raffreddare. Ungi leggermente il wok e metti il salmone a cuocere dal lato della pelle, senza salare.

Disponi il salmone nel piatto e guarnisci con la salsa di lime e soia filtrata, lo zenzero tagliato finissimo e fettine di lime fresco. Buon appetito!

Prev Ad Halloween sconfiggi il meteorismo con la torta di zucca e mandorle
Next Contro il meteorismo, agisci sull’infiammazione con fagottini di pasta sfoglia e merluzzo