Stomia e integratori nutrizionali

 

Meteorismo e perdita di regolarità intestinale sono disturbi comuni nelle persone con stomia, ma si possono gestire con l’uso di integratori nutrizionali a base di enzimi naturali.

 

 

Gli integratori alimentari o nutrizionali sono aiuti importanti per il nostro benessere. La loro natura è varia e comprende vitamine, proteine, minerali, aminoacidi, acidi grassi, fibre, enzimi e altre sostanze che contribuiscono a reintegrare gli elementi persi a causa dell’esclusione di alcuni cibi che li contengono o per malattie che alterano i loro livelli nell’organismo.

È bene ricordarsi, tuttavia, che gli integratori non devono sostituirsi ad un’alimentazione corretta e il loro utilizzo deve essere limitato al tempo necessario per ristabilire l’equilibrio metabolico. Per il corretto funzionamento dell’organismo, infatti, sono necessarie solo determinate quantità di ciascuno di questi elementi, a dosaggi elevati possono avere effetti collaterali o essere dannosi. Pertanto, l’assunzione degli integratori nutrizionali, non deve superare la dose giornaliera raccomandata.

 

L’uso degli integratori nutrizionali è indicato in particolari condizioni di salute, tra cui l’intervento chirurgico di realizzazione di una stomia. La persona che ha una colostomia o un ileostomia può facilmente andare incontro a modificazioni della flora batterica e della regolarità intestinale, sia a causa dell’intervento chirurgico sia a causa di eventuali terapie antibiotiche o chemioterapiche.

La crescita eccessiva di batteri nell’intestino può compromettere sia la digestione che l’assorbimento dei nutrienti e la comparsa di sintomi come dolore addominale, meteorismo e diarrea acquosa.

Questa condizione può essere particolarmente presente nell’ileostomizzato, dove parti di ileo e di colon sono esclusi dalla funzione di riassorbimento di liquidi e sali minerali a livello del colon. In presenza di un’asportazione di gran parte dell’ileo possono presentarsi anche uno scarso assorbimento di:

·         grassi, in particolare acidi biliari, con formazione di calcoli biliari;

·         vitamine del gruppo B (in particolare B12) e vitamina K.

 

Oltre ad assumere integratori nutrizionali a base di proteine, vitamine e grassi per ristabilire i corretti livelli di questi elementi nell’organismo, possono essere utilizzati altri prodotti che favoriscono il recupero della regolarità intestinale persa con la realizzazione della stomia. A tale scopo, esistono diversi integratori nutrizionali contenenti:

·       una miscela di enzimi di origine naturale, che favoriscono la digestione e limitano la fermentazione degli alimenti nell’intestino responsabili del meteorismo;

·       fibre solubili, che aumentano la massa delle feci, accelerano il transito e migliorano l’evacuazione;

·       fibre di Guar, in grado di equilibrare il contenuto di acqua nelle feci affinché non siano né troppo liquide né troppo solide;

·      triptofano, un aminoacido essenziale che agisce sul sistema nervoso, favorendo il recupero della motilità intestinale; l’organismo non lo produce da sé e deve quindi essere assunto con la dieta.

 

Prima di scegliere degli integratori alimentari, è comunque consigliato consultare il proprio medico o una dietista per avere indicazioni sul prodotto da assumere in rapporto alla propria condizione di salute. 

Prev Le fibre fanno bene o male?
Next Stomia e meteorismo: accorgimenti e indicazioni generali