Stomia e sessualità

 

La sessualità è un bisogno primario dell’uomo che, se insoddisfatto, influisce notevolmente sulla sua qualità di vita. Quale impatto ha la stomia sull’intimità di coppia?

 

 

La persona a cui viene realizzata una stomia, nel riprendere le abitudini sessuali preesistenti l’intervento chirurgico, può provare sentimenti di sconforto e disagio. La paura di non risultare più attraente agli occhi del partner, di recare danni alla stomia o che la stessa possa impedire l’atto sessuale, può essere motivo di ansia e preoccupazione che influiscono negativamente sulla ripresa di una vita di coppia serena e soddisfacente.

 

Come altri interventi chirurgici che interessano la zona pelvica, anche quello che prevede la creazione di una stomia può causare problemi che interessano l’apparato riproduttivo:

·         nell’uomo si possono manifestare disturbi dell’erezione e dell’eiaculazione secondari al trauma chirurgico delle fibre nervose adiacenti al retto. Queste disfunzioni di natura organica possono richiedere interventi riabilitativi, oppure possono risolversi fisiologicamente purché non vi siano altri fattori casuali di natura psicologica.

·         nella donna i rapporti sessuali possono essere dolorosi. L’intervento chirurgico e i trattamenti adiuvanti (chemio e radioterapia) possono portare a disturbi della lubrificazione della vagina e la sensibilità durante i rapporti sessuali. Per limitare questo problema possono essere utilizzati farmaci lubrificanti specifici, per i quali è bene rivolgersi al proprio medico curante o al ginecologo che prescriverà il farmaco più appropriato.

Ma avere una stomia non impedisce di vivere serenamente la propria vita sessuale.

Una volta presa “dimestichezza” e acquisita “autonomia” nella gestione del proprio stoma, non esiste alcuna controindicazione nel riprendere una vita sessuale attiva.

E avere un figlio? La possibilità di diventare mamma preoccupa molto le giovani donne stomizzate. Ebbene, la presenza di una stomia non pregiudica di per sé la possibilità di avere un figlio e una gravidanza normale.  Il modo migliore per affrontare questa bellissima esperienza è tenere sotto controllo la patologia di base, grazie anche alla collaborazione dello stomaterapista, effettuando i controlli medici stabiliti nel programma di follow-up e mantenendo uno stile di vita sano ed equilibrato.

Di seguito alcuni suggerimenti che potrebbero essere utili per facilitare l’intimità con il proprio partner:

·         utilizzare un dispositivo di dimensioni ridotte per la raccolta delle feci;

·         applicare un coprisacca colorato o indossare biancheria intima per velare la sua presenza;

·         introdurre nella sacca di raccolta dei prodotti, in gocce o compresse, che neutralizzano la presenza di cattivi odori;

·         praticare l’irrigazione, se colostomizzato e se possibile, per evitare la fuoriuscita di materiale fecale durante i rapporti sessuali.

 

Per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi al Medico curante e/o allo Stomaterapista che valuteranno anche l’opportunità di avviare la consulenza di altri specialisti come l’andrologo, il sessuologo o il ginecologo. 

Prev Stomia e tempo libero
Next Stomia: le fasi dell’adattamento